Coronavirus, 118 sommerso da chiamate: “Richieste di aiuto anche per un mal di gola”. Oggi vertice tra Sindaco e i dg della sanità

2266

Inevitabilmente anche nel beneventano si è creata una vera e propria ondata di panico, per l’epidemia di Coronavirus in Italia, con tre connazionali morti e ormai oltre 150 contagiati, che per il momento vede il grosso del suo focolaio nel Settentrione. Subissato di telefonate con allarmi non fondati “per mal di gola, laringiti e pochi decimi di febbre” il centralino del servizio 118 sannita (quello della centrale operativa che poi smista le chiamate ai Saut). Una situazione di over stress che pone sotto tensione gli operatori e al tempo stesso crea difficoltà anche per individuare l’effettiva gravità dei casi che potrebbero potenzialmente essere oggetto di autentico pericolo dagli altri che invece palesemente non lo sono.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di domani – Acquista qui la tua copia