Bonea, sì al recupero di Palazzo d’Apice

1013

La squadra tecnico-politica, infatti, ha conquistato fondi ministeriali per 208.000 euro che consentiranno di finanziare la fase della progettazione esecutiva. Il Palazzo D’Apice, sito nel centro storico, nonostante lo stato di degrado, è da un punto di vista architettonico e strutturale uno dei riferimenti di maggior pregio entro la cittadina. Originariamente di proprietà dell’avvocato D’Apice, era stato da questi donato, con tanto di testamento, al popolo di Bonea vincolando, tuttavia, la validità giuridica dell’atto medesimo ad una destinazione che fosse a pro dell’infanzia.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia