Pasqua, “Ingiusta la crociata per gli agnelli”

679

La Confcommercio si dichiara preoccupata per l’ennesima campagna animalista pasquale che stigmatizza il consumo di agnello. “Già il consumo di carne ovina si annuncia in leggero calo – spiegano dalla Fida, la Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione di Confcommercio – perché la Pasqua è piuttosto avanti e le temperature più alte comporteranno, probabilmente, una diminuzione di consumo di questo alimento. Il che vuol dire prezzi un po’ più bassi e minori ricavi”.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia