Ecoballe, no alla terza proroga. Di Maria: “Gli impegni non vengono rispettati”

561

Sono ancora nella piattaforma “Fungaia” di Casalduni le settemila tonnellate di balle di rifiuti compressi, così raccolti e semilavorati a seguito dell’emergenza innescata lo scorso autunno dalla chiusura temporanea per lavori manutenzione del termodistruttore di Acerra. Dopo due proroghe concesse a Sapna per la completa rimozione di tutte le 12mila tonnellate inizialmente accatastate, c’è stata una nuova richiesta di proroga dall’azienda igiene ambientale napoletana, con diniego da parte della Rocca dei Rettori. Una vicenda sulla quale è intervenuto il presidente della provincia di Benevento Antonio Di Maria, polemico con la Regione che ha annunciato una prossima imminente rimozione: annuncio contraddetto dalla richiesta di proroga da parte di Sapna.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia