Guardia Sanframondi, polemiche sugli espropri per la linea dell’Alta Velocità

2100

La riunione fatta riguardo alle procedure espropriative per la realizzazione della linea ferroviaria Alta Capacità, riaccende il clima politico generando un botta e risposta a distanza tra Carlo Falato e Floriano Panza. Pomo della discordia proprio le valutazioni degli espropri. L’esponente di opposizione accusa il sindaco: “L’adozione troppo frettolosa del Puc ha generato un palese danno ai cittadini. Panza sostiene che l’approvazione è dovuta ad un obbligo imposto dalla Regione che, in caso contrario, avrebbe nominato una commissione ad acta. Con questa scelta sono venute meno molte certezze per i nostri concittadini proprietari dei fondi interessati. Solo ora, infatti, scopriamo che nella relazione della stima di Italferr le zone industriali venivano valutate a circa 33 €/mq mentre per le zone agricole era di 10 €/mq. Ma per il sindaco la colpa di tutto questo è della Regione. Insomma non gli basta averci preso in giro una volta”.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di domani – Acquista qui la tua copia