Victoria’s Secret, la sfilata di moda tra spettacolo ed esibizione

1067

La moda non ci regala solo abiti, ci regala anche spettacolo. Non esclusivamente nelle trame, nelle forme e nelle rifiniture dei capi, spesso eccentrici per il consumatore medio, ma anche nelle sfilate vere e proprie. La sfilata di una casa di moda rappresenta la coronazione del lavoro svolto per produrre la linea della stagione successiva; non è dunque stravagante che si voglia portare in passarella uno spettacolo ben curato e recentemente gli investimenti negli spettacoli di moda sono aumentati, per affrontare i costi di ambientazioni sempre più insolite e tempistiche sempre più itineranti. Questo a dispetto di un’evoluzione evidente del settore della moda, che sembra star mollando gli ormeggi della vendita al dettaglio per salpare verso una crescente digitalizzazione. Gli e-commerce stanno facendo chiudere i battenti ai negozi fisici, le tecnologie sempre più integrate portano esperienze 3D e di realtà aumentata e varie discipline si fondono alla moda, creano un settore ibrido che unisce marketing, psicologia, economia, arte, musica e tecnologia. Eppure, gli show resistono e da Parigi, a New York e Milano, hanno tutta l’intenzione di offrire al pubblico una forma d’intrattenimento che lo fidelizzi e faccia parlare di sé. La regina dello spettacolo è indubbiamente Victoria’s Secret, che oltre a tenere incollato alla poltrona un pubblico di milioni di spettatori televisivi, porta in scena dal vivo anche numerosi cantanti.

La moda è anche spettacolo e intrattenimento

Victoria’s Secret (VS) ha sempre esibito modelle che sono diventate vere icone, come Naomi Campbell, Tyra Banks, Alessandra Ambrosio o Adriana Lima, giusto per menzionarne alcune. Queste ultime due sono state al centro delle ultime due edizioni per via del loro ritiro: Alessandra Ambrosio ha lasciato l’anno scorso e Adriana Lima quest’anno, versando lacrime di commozione per lo speciale ringraziamento loro riservato. Lo spettacolo si è sempre avvalso, inoltre, dei nomi di principale spicco della scena musicale, da Taylor Swift a Rihanna, da Ariana Grande a Justin Timberlake, da Hozier a Lady Gaga. Quest’ultima, in particolare, ha davvero colpito tutti nel 2016 a Parigi con ben cinque cambi d’abito, battendo così anche le modelle stesse. Ma cos’altro aspettarsi da una star camaleontica e teatrale che vende milioni di dischi e si è assicurata 74 date per 75 milioni di dollari, come riporta Betway Casino. Un’artista affermata, nonché eclettica, eccentrica e innovatrice come Lady Gaga non poteva che portare allo show di VS quell’ulteriore tocco di artisticità che ha contribuito a consolidare una volta per tutte la fama e la portata della sfilata della casa di moda, che in questa edizione 2018 ha catturato l’attenzione di 3,3 milioni di spettatori desiderosi di conoscere le ultime novità di lingerie indossate da alcune delle più prestanti modelle al mondo e contornate dalle performance delle più attuali voci del panorama musicale.

La moda non conosce confini

Da sempre, Victoria’s Secret è stata la casa di moda più lungimirante. Già verso la fine degli anni ’90, quando iniziò a organizzare le proprie sfilate, cavalcò l’onda di Internet per trasmetterle in diretta per chiunque fosse interessato a seguirla. La prima casa di moda a sfruttare lo streaming fu l’americana BCBG, il 2 novembre 1998, poi sorpassata da VS con un milione e mezzo di spettatori web. A partire da quel momento, non è passato anno senza che lo show non sia stato trasmesso, su Internet prima, e in televisione – sulla statunitense CBS – dopo. Ma la spettacolarità è continuata con una serie di novità: Vogue ricorda l’introduzione del cosiddetto Fantasy Bra, il reggiseno tempestato di diamanti e pietre preziose di altissimo valore indossato a turno dagli angeli di VS, l’abito tempestato di Swarovski che dal 2002 illumina la passerella e da ultimo le esibizioni in diretta di famosi cantanti che guarniscono l’incedere delle modelle. Questi ingredienti contribuiscono a creare sempre grandi aspettative e grande trepidazione attorno alla sfilata, in cui non si bada a spese (si è arrivati a spendere 12 milioni di dollari) e che si assicura di esibire sempre nomi di spicco. Strategia, questa, adottata anche dall’ Intimissimi Fashion Show, versione per così dire italiana della VSFS, che ha visto presenziare Sarah Jessica Parker (protagonista dell’amata serie Sex and the City) accanto all’acclamata Chiara Ferragni.

Venti di freschezza

Ma se da un lato VS non può fare a meno dei propri tratti tradizionali (location, modelle e fantasy bra), dall’altro si assicura di portare alla ribalta volti nuovi e freschi. Freschezza è infatti la parola dell’edizione 2018, portata dalle stampe floreali e primaverili che hanno caratterizzato una delle linee principali della collezione e dalla selezione dei cantanti che hanno accompagnato le modelle in passerella. Quest’anno, la scelta degli artisti musicali è ricaduta su nomi nuovi che si stanno affermando ora sul mercato, probabilmente per dimostrare che, nonostante gli oltre vent’anni di attività, lo show Victoria’s Secret sa mantenersi sempre aggiornato e al passo coi tempi, e non solo in fatto di tessuti, design e colori. Ecco, dunque, che la sala è esplosa in ovazioni con l’entrata in scena di Shawn Mendes, uno dei ben sette cantanti esibitisi, un record che ha voluto riflettere il carattere ambizioso dell’edizione 2018, come ricalcato anche dal produttore esecutivo di Victoria’s Secret Ed Razek. Oltre a Mendes, hanno cantato Bebe Rexha, Halsey, Kelsea Ballerini, Rita Ora, The Struts e i The Chainsmokers.

Dal Pier 94 di New York, il Victoria’s Secret Fashion Show 2018 ha ricordato al mondo che, nonostante lo spostamento verso la vendita online, la perdita di prominenza delle boutique, le tecnologie e l’evoluzione naturale di un settore che si adatta a stili di vita, esigenze dei consumatori e progresso digitale, la natura graffiante, provocatoria, sensuale e spettacolare del marchio di moda statunitense non smetterà di sorprendere il pubblico con le sue creazioni e la sua creatività.