Rogo Stir, partono i controlli sull’inquinamento del suolo

929

All’alba dello scorso 23 agosto, dopo l’esplosione dell’incendio nello Stir di Casalduni, l’Arpac Dipartimento di Benevento faceva scattare l’allarme. Diverse attività sono state svolte già durante il rogo e nei giorni successivi, a tutela della salute delle popolazioni di Casalduni, Pontelandolfo, Fragneto Monforte e Campolattaro. Le attività continuano ancora oggi. Ora, è previsto il campionamento di suolo superficiale, cosiddetto ‘top soil’, al fine di determinare il livello di inquinamento dovuto da eventuali depositi di contaminanti ambientali come diossine, furani e policlorobifenili, sostanze tossiche potenzialmente cancerogene, che potrebbero aver interessato i territori dei 4 Comuni.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia