Ricapitalizzazione Alto Calore, lo spettro dell’esodo

885

Era facile immaginare che la richiesta di ricapitalizzazione rivolta da Alto Calore ai Comuni soci avrebbe creato grande malumore tra gli amministratori. Ma forse il presidente dell’azienda Ciarcia non pensava che questa proposta – che suona paradossale per cittadini che pagano la bolletta senza ricevere un servizio normale in cambio – avrebbe gettato le basi, al di là delle solite critiche, per una primo fronte di sindaci pronti all’esodo. L’approdo alternativo, ovviamente, è Gesesa. Apollosa lo ha già fatto: il sindaco Marino Corda ha risolto il contratto con Alto Calore e portato in Consiglio la convenzione con Gesesa ben prima della novità della ricapitalizzazione che sta approdando sui tavolo delle assemblee sannite e irpine.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi