Il Benevento è vivo e ora sogna l’impresa impossibile

1175

Più vivo che mai. Dopo la debacle dell’Olimpico, De Zerbi chiedeva ai suoi ragazzi soprattutto segnali di vitalità e la risposta del Benevento è stata finalmente all’altezza della richiesta: il perentorio successo contro il Verona ha permesso alla truppa giallorossa di seppellire le amarezze del Sabato Santo contro la Lazio, di dimostrare di essere viva e presente nonostante, almeno per quanto riguarda la classifica e le possibilità di rientrare in corsa per la salvezza, francamente abbia ormai poco da chiedere al campionato. Una prestazione da incorniciare quella offerta dai sanniti, una prova che potrebbe aprire anche il capitolo dei rimpianti, ma in questo momento è inutile farlo: per non rovinarsi uno dei pochi pomeriggi di gloria, ma anche per non ricadere in facili illusioni che, spesso e volentieri, sono poi state cancellate dai fatti e dai riscontri del campo. Meglio non pensarci, nonostante anche De Zerbi non abbia fatto nulla per nascondere i propri sentimenti contrastanti, divisi tra l’orgoglio per la prova offerta e la rabbia per quanto questa squadra ha sprecato nel recente passato. Più che stare lì a macerarsi su ciò che poteva essere e che invece non è stato, sarebbe più efficace utilizzare questa sensazione diffusa come leva motivazionale per tentare di fare quanti più punti possibili da qui alla fine della stagione. E, perché no?, per tentare l’impresa impossibile anche domani pomeriggio, quando la Strega ospiterà in casa propria la Vecchia Signora del calcio italiano.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia