Casalduni, una piazza alle vittime del massacro del 1861

1300

Sul finire della settimana scorsa la scelta dell’amministrazione Iacovella che ha sta facendo seriamente discutere il territorio sugli accadimenti storici legati al Risorgimento Italiano e ai primi anni dell’Unità Nazionale. L’esecutivo di Casalduni, infatti, ha approntato una prima delibera che, in termini di nuova toponomastica, ha spedito in soffitta Giuseppe Garibaldi, riscoprendo un personaggio caro a cui la cittadinanza è stata sempre legata, lo storico parroco don Vittorio Coletta. Ora una nuova decisione segnerà il percorso in tema di intitolazioni della maggioranza.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia