Rubriche – Nella Casalduni del ‘700 un evoluto test fiscale: il Catasto onciario, originale modello tributario

648

Il Catasto onciario del Regno di Napoli, uno dei più minuziosi e completi strumenti sullo stato economico della popolazione nel Sud, venne ideato sotto Carlo III per cambiare la complicata macchina fiscale con un nuovo modulo in grado di rendere eque le tassazioni. L’Onciario borbonico divenne un faro per i moderni catasti, centrando l’obiettivo di riassetto del Fisco che finalmente poté disporre di un quadro completo di villaggi e città, proprietà e famiglie, situazioni sociali e dimensioni demografiche, entrate ed esenzioni.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia