Elvira Gavrilova: Business durante la crisi — si adotta per sopravvivere

0
201

Elvira Gavrilova è comproprietaria e CEO della società di pubblicità internazionale Amillidius, esperta di marketing e relazioni pubbliche, produttrice e specialista nella promozione di marchio personale, caporedattore della pubblicazione di categoria Financoff. All’età di 30 anni Elvira è riuscita a fare una carriera di successo, diventando la fondatrice di uno dei più prestigiosi premi ucraini “Orgoglio e Belezza dell’Ucraina ” e di altri importanti progetti. I suoi successi sono stati citati e riportati sui media, tra cui importanti pubblicazioni commerciali come Forbes.

Elvira Gavrilova nel suo ufficio

Elvira Gavrilova è comproprietaria e CEO della società di pubblicità internazionale Amillidius, esperta di marketing e relazioni pubbliche, produttrice e specialista nella promozione di marchio personale, caporedattore della pubblicazione di categoria Financoff. All’età di 30 anni Elvira è riuscita a fare una carriera di successo, diventando la fondatrice di uno dei più prestigiosi premi ucraini “Orgoglio e Belezza dell’Ucraina ” e di altri importanti progetti. I suoi successi sono stati citati e riportati sui media, tra cui importanti pubblicazioni commerciali come Forbes.

Oggigiorno Elvira Gavrilova vive e lavora in Portogallo e conosce i problemi non solo del business ucraino, ma anche di quello europeo. In qualità di capo della filiale europea della società pubblicitaria, parrecchie volte aveva fatto consulenza ai suoi clienti nel campo di sviluppo delle strategie di marketing. Elvira è assolutamente certa che i periodi di instabilità economica non siano un motivo per sospendere l’attività. La modalità standby non porta a nulla di buono, questo è il percorso verso il fallimento. È necessario agire e, prima di tutto, riformattare la politica di marketing dell’azienda. Bisogna rivedere l’approccio al proprio marchio, all’interazione con i consumatori, per padroneggiare nuove tecniche e forme di gestione degli affari.

Ecco alcuni consigli di Elvira Gavrilova su quali misure dovrebbero essere prese prima di tutto in modo di minimizzare i danni al fine di mantenere i clienti e la reputazione di un’azienda affidabile e ottenere il profitto. 

Elvira Gavrilova: come sopravvivere durante la recessione

Elvira Gavrilova presso l'ufficio di rappresentanza di Amillidius a Varsavia (Polonia)

Trasformazione del business digitale e passaggio all’online

Il trasferimento di parte dei processi in online contribuirà a ridurre i costi dell’azienda. Oggi non è solo una tendenza, ma un’esigenza urgente. E lo sviluppo accelerato delle tecnologie Internet è di grande aiuto per tale transizione. Naturalmente, non tutte le attività possono essere svolte in remoto, ma almeno alcune funzioni devono essere spostate su Internet, con lo sviluppo parallelo dell’azienda offline.

Tale transizione porta in primo piano la tecnologia digitale e la stessa cosa riguarda anche il marketing. Grazie agli strumenti di marketing digitale, è possibile fornire informazioni sul marchio a migliaia e persino milioni di consumatori letteralmente all’istante. Rafforzare il potenziale del marketing digitale aiuterà l’azienda ad adattarsi rapidamente alle mutevoli esigenze dei clienti. Questo è un investimento di marketing strategico.

Correzione dell’immagine del marchio e la linea di prodotti

Bisogna tenere presente che la crisi sta cambiando le priorità e le preferenze dei vostri clienti. Pertanto, oggigiorno è necessario rivedere gli obiettivi del proprio marchio e identificare nuovi modi per raggiungerli. È tempo di adattare le proposte: devono essere pertinenti e risuonare con il mercato di riferimento. È necessaria un’analisi profonda delle nuove esigenze dei consumatori dei vostri prodotti e servizi. E l’adattamento della linea di prodotti o la creazione di una nuova specifica per queste mutevoli esigenze. Per scoprire cosa può essere utile per i  vostri clienti, in questo momento bisognerebe comunicare a stretto contatto con il pubblico di riferimento.

Elvira Gavrilova con il barone belga Alexander Zanzer, uomo d'affari, produttore, ex console onorario della Mongolia in Belgio, consulente diplomatico e con sua moglie. (Monaco Yacht Show)

Rafforzare la connessione emotiva con il pubblico target

Per le imprese, l’entità del declino economico dovrebbe essere inversamente proporzionale allo sviluppo delle loro comunicazioni. Ciò vale anche per la costruzione di relazioni all’interno dell’azienda e, soprattutto, per il dialogo con i potenziali consumatori. È necessario fornire ai clienti più informazioni e fornirle più spesso. E ascoltare il pubblico target. Soprattutto in tempi difficili, i clienti dovrebbero sentire una comunicazione bidirezionale con l’azienda, essere coinvolti nel processo.

Durante la crisi, ci sono molte minacce alla reputazione del marchio su Internet, nelle reti sociali, perché durante questo periodo le persone sono disorientate e infastidite. È necessario prestare la massima attenzione al rafforzamento della reputazione, per utilizzare tutte le risorse disponibili, materiali e umane. 

Creazione di un team per gestione della crisi

Una delle soluzioni potrebbe essere un team di gestione della crisi, al quale parteciperanno rappresentanti di vari dipartimenti dell’azienda. Il compito di tale squadra è quello di sviluppare una strategia comune per rispondere alla crisi. E la sua interazione con la vostra agenzia di marketing  aiuterà ad analizzare i canali di promozione, scoprire cosa porta profitto e cosa lo mangia. E, in primo luogo, adeguare la strategia di marketing per mantenere il profitto. In secondo luogo, attuare efficacemente il programma anticrisi sviluppato dai professionisti del marketing. E in terzo luogo, trovare nuove idee per la promozione.

Elvira Gavrilova: Marketing nei tempi di crisi —  Test di resistenza

Elvira Gavrilova in un incontro con il Principe Michael di Jugoslavia, finanziere, personaggio pubblico, filantropo. (Monaco)

Formazione dei dipendenti

In tempi di crisi è necessario prestare particolare attenzione alla formazione dei dipendenti. Nuove condizioni richiedono nuovi approcci e soluzioni. E, di conseguenza, personale più qualificato in grado di adattarsi rapidamente alle mutevoli realtà.

Secondo gli indagini, negli ultimi anni le aziende non hanno speso più del 4-5% dei loro budget di marketing alla formazione. Durante la crisi bisognerebbe aumentare questa parte delle spese. A proposito, nella nostra azienda Amillidius noi consideriamo la diffusione delle conoscenze di marketing nell’ambiente aziendale come la nostra missione sociale. E offriamo ai clienti l’opportunità di migliorare il loro livello ai seminari gratuiti tenuti negli uffici. 

Rafforzare le relazioni con le agenzie-partner principali

Elvira Gavrilova in un incontro con l'uomo d'affari inglese Glyn Hutchinson, direttore vendite di Icon Connect.

Anche se i budget per la pubblicità e la promozione vanno ridotti, è sconsigliato rompere i contratti con le agenzie di marketing. Al contrario, la comunicazione deve essere rafforzata, cercando di raggiungere le modalità  più reciprocamente vantaggiose per la cooperazione.

Secondo le statistiche, i marchi che non rinunciano alle attività pubblicitarie durante una recessione la tollerano meglio. Negli anni ’70 del secolo scorso, l’American Business Press  – associazione delel pubblicazioni business – aveva condotto una ricerca e aveva scoperto che le aziende che continuano a investire nel marketing durante la crisi aumentano le vendite sia durante la crisi che negli anni seguenti. Una statistica molto recente di Kantar (agenzia di ricerche di mercato) indica che la mancanza di spese di bilancio per il marketing durante la crisi porta a un calo delle vendite del 13%. E la riduzione delle spese dimezza solo le vendite dell’1%.

Cavate conclusioni e ricordate che un adattamento rapido e competente delle vostre strategie di marketing sarà la chiave per raggiungere il successo e mantenere il business nei tempi di crisi.

I.P.