Il ‘settembre nero’ di Coda non è una novità: il bomber ha faticato spesso a inizio stagione

669

Non è iniziata come sperava, non è partito tutto come voleva ma, per fortuna, il tempo per poter fare la differenza e tornare a essere decisivo deve ancora venire. Un solo gol nelle prime sei gare di campionato per Massimo Coda con ancora addosso la maglia del Benevento. Nonostante sulla panchina giallorossa sia arrivato Filippo Inzaghi, un tecnico che di reti se ne intende, lo start stagionale dell’attaccante di Cava de’ Tirreni non sembra affatto essere quello sperato dal giocatore e dai suoi stessi tifosi. Una sola gioia, e che gioia, in casa contro il Cittadella: un colpo al volo che ha lasciato immobile il numero uno avversario, pietrificato dal bolide imparabile del nove giallorosso. Era il 31 agosto e, mentre il mercato si apprestava a lanciare gli ultimi colpi prima di chiudere le porte e rinviare le trattative a gennaio, per Coda si apriva quello che si può tranquillamente descrivere come “settembre nero”.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia