La denuncia: “In ospedale mancano anestesisti, rischio l’amputazione”

1255

La docente beneventana Daniela Basile denuncia un caso di presunta malasanità al presidio ospedaliero “Rummo” dell’azienda ospedaliera San Pio. “Ho un rigetto della placca al titanio alla caviglia sinistra a seguito di una frattura trimalleolare avuta 2 anni e mezzo fa. A novembre scorso la mia caviglia si è improvvisamente gonfiata, arrossata, a tratti livida, mi è venuta la febbre a 40 e avvertivo un dolore lancinante – la testimonianza di Daniela Basile -. Il mio ortopedico mi ha visitato, avevo un rigetto in atto. Ho dovuto prendere antibiotici, calcio eparina, mettere il tutore, stare a riposo senza caricare peso sulla gamba sinistra. Sempre il mio ortopedico, medico premuroso e attento, ha fatto richiesta di rimozione della placca entro la seconda decade di novembre. Ho dovuto fare preospedalizzazione alias attesa infinita e pensate un po’ per un intervento programmato entro la seconda decade di novembre la preospedalizzazione (l’iter e gli esami necessari per poter sostenere l’intervento dalla visita anestesiologica a quella cardiologica e gli esami al torace torace) l’ho completata il 2 dicembre!”.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia