Montesano e quel ‘fumo negli occhi’

756

Ho conosciuto Gian Marco Montesano al Centro Art’s Events di Tonino De Maria nel 1995, già in quel periodo artista affermato, con un percorso espositivo di tutto rispetto. A partire dagli anni ottanta è fin troppo conteso da istituzioni pubbliche e galleristi: nel 1982 espone al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, l’anno dopo a Parigi alla Galerie Trans/Form, nel 1985 a Bologna allo Studio Cristofori, nel 1986 allo Studio Raffaelli di Trento, nel 89 da Pio Monti a Roma, nel 90 a Bruxelles alla Galleria Lucien Bilinelli, nel ’91 realizza tre importanti mostre a Stoccolma alla Tornvall Gallery, a New York da Annina Nosei e a Milano alla Galleria Cardi, torna a New York dalla Nosei nel ’92 e a Roma da Pio Monti nel ’93, per poi essere consacrato nel ’94 alla Galleria del grande Emilio Mazzoli a Modena. Insomma Montesano che incontro nella mostra, organizzata a Torrecuso da Tonino De Maria nel ’95, non è né un giovane emergente e tantomeno alla ricerca di un’improbabile fortuna su territori periferici, è artista riconosciuto e apprezzato dalla critica e dal mercato.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia