Walter Lopez non si dà pace: “Mandarci via l’errore più grande”

1524

Cinquantatré presenze ed un gol in un anno e mezzo tra Serie C e B. Eppure Walter Lopez ha lasciato il segno nella storia del Benevento come tanti altri colleghi del “gruppo storico”, i protagonisti della doppia promozione. Oggi il difensore uruguayano è alla Ternana e rivedrà da doppio ex la sfida di domenica tra Spezia e Benevento. “Sono stato solo un anno lì ma la tifoseria mi ha accolto benissimo e credo che lo Spezia abbia un tifo che merita la Serie A. Oggi sono una squadra che gioca bene ma manca un pizzico di cattiveria. Nelle prossime settimane sono costretti a fare punti, altrimenti risalire dalla bassa classifica diventa dura”. Leggermente più lunga invece la sua parentesi in giallorosso, giusto in tempo per festeggiare la storica doppia promozione e per entrare nel cuore di tutti quelli che circondano la Strega: “Proprio venti minuti fa mi ha telefonato il magazziniere dicendomi che stavano per partire per La Spezia: parlo spesso con Viola e Del Pinto e resto in contatto con tutti quelli che oggi sono rimasti da quando c’ero anch’io, perché insieme abbiamo fatto una cosa bellissima. C’è rammarico per non aver giocato la A col Benevento, perché lì lo avevamo portato noi ma siamo stati costretti ad andar via: così facendo hanno spaccato tutto, sia nello spogliatoio che in campo. Il nostro addio è stato l’errore più grande che potessero fare”.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi