Classifica girone di ritorno, il Benevento sarebbe salvo

1920

La retrocessione è stata ormai certificata, ma anche il verdetto ineluttabile della matematica non ha certamente cancellato il rammarico perl’esito di questa stagione. Che è stata ricca di tormenti, ma che sarebbe potuta finire diversamente se solo ogni tassello fosse andato al suo posto sin dall’inizio. Nel girone di ritorno, il Benevento ha dimostrato di essere all’altezza delle dirette concorrenti e la classifica che tiene conto solo dei punti conquistati nella seconda parte del campionato lo conferma. In questa speciale graduatoria, i giallorossi si piazzerebbero al quartultimo posto, in condominio con il Cagliari, grazie ai 13 punti raccolti (frutto delle vittorie con Milan, Verona, Crotone e Sampdoria e del pareggio di Reggio Emilia col Sassuolo) nelle 15 gare giocate nel girone di ritorno. Ne avrebbero, dunque, uno in più del Verona, che ne ha conquistati 12, due in più rispetto al Chievo Verona e addirittura sette in più dell’Udinese, prossima avversaria in campionato. Nonostante tutto, però, la retrocessione è arrivata ugualmente: a pesare, evidentemente, i soli quattro punti con cui i giallorossi hanno chiuso la prima parte di stagione, tre dei quali tra l’altro conquistati nell’ultima giornata d’andata contro il Chievo. Un rendimento disastroso che ha irrimediabilmente compromesso il resto della stagione: sarebbe servito un andamento da Champions per riuscire a centrare una salvezza che avrebbe avuto del miracoloso. I giallorossi ci hanno provato, hanno tentato di spingersi oltre i propri limiti, ma si sono dovuti arrendere all’evidenza.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia