Parco nazione del Matese, i rischi dell’eolico

856

Domenico Rotondi dell’associazione culturale ‘Togo Bozzi’ e Raffaele Pengue del Fronte antieolico Sannita, riaprono il caso dell’eolico sul Matese dopo aver denunciato la situazione di San Lupo. Le due associazioni hanno spedito una nota a Gino Famigietti, direttore generale del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. L’obiettivo è quello di portare alla luce quella che viene definita “l’incresciosa ‘questione eolica’ sul Matese. Alla luce delle caratteristiche paesaggistiche, culturali e produttive dell’Antico Comprensorio appenninico, abbiamo accolto fiduciosamente l’Istituzione del Parco Nazionale del Matese. Questo progetto rischia di essere minato dagli sbandierati programmi energetici”.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia