Benevento, col Verona un incrocio salvezza da non sbagliare

745

Vincere e sperare. Lo impone la classifica, a maggior ragione dopo che ieri pomeriggio la Spal ha allungato grazie all’importante successo nel derby col Bologna; lo impone l’orgoglio di cancellare l’eredità scomoda della sconfitta di San Siro, ma pure la volontà di regalare un sorriso al presidente Vigorito dopo il piccolo contrattempo di ieri mattina. Il Benevento vuole approfittare del faccia a faccia contro il Verona per dimenticare in fretta una settimana carica di tensioni: dalle amarezze e i veleni post-Inter all’infortunio di Sandro, passando per il malore accusato alla vigilia dal proprio massimo dirigente. È proprio per seppellire e mettersi alle spalle un momento particolarmente delicato che la truppa giallorossa questo pomeriggio scenderà in campo covando orgoglio e speranza, per dimostrare a tutti, prima di tutto a se stessa, che è viva, reattiva, presente. E che vuole replicare le recenti prestazioni positive, stavolta però traducendole in una vittoria che potrebbe tenere ancori aperti i giochi in chiave salvezza. Sul piano della formazione, De Zerbi è intenzionato a tornare al 4-3-3 con Cataldi in cabina di regia e Memushaj e Djuricic ai suoi fianchi.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia