Il Benevento riaccende i motori: De Zerbi si gioca la carta Guilherme

827

Dov’eravamo rimasti? Era il 6 gennaio e il Benevento, nonostante l’ennesima emergenza di questa stagione, si toglieva lo sfizio di battere la sesta forza del campionato e di aumentare le possibilità di rimettersi in corsa lungo l’impervia strada che conduce alla salvezza. Ha riscoperto l’entusiasmo la Strega, grazie a quei due successi consecutivi contro Chievo e Samp che hanno ridato un barlume di speranza all’intera piazza, tornata improvvisamente a credere a un’impresa che avrebbe proporzioni straordinarie. Lo dimostrano i numeri, lo dimostra il seguito che il Benevento avrà questo pomeriggio a Bologna: sui ventimila spettatori previsti, quasi tremila saranno i sanniti che affolleranno il settore ospiti e che si sistemeranno pure tra Distinti e Tribuna. Tremila cuori giallorossi pronti a spingere la squadra in questa delicata trasferta che arriva nella settimana del nuovo stop inflitto a capitan Lucioni dal Tribunale nazionale antidoping. Un duro colpo per tutti perché non è certamente un caso se le prime due vittorie di questo campionato sono arrivate con lui in campo. Ma il Benevento deve avere la forza di andare oltre, perché al destino cinico e baro non si comanda. Meglio, allora, provare a dribblare le angosce, caricarsi sulle spalle quest’altro disturbo e prepararsi ad entrare in campo determinati ad assorbire le assenze che aggravano ulteriormente il quadro generale e che puntualmente condizioneranno le scelte di De Zerbi. Che dovrà tener conto pure del mercato. Mese strano quello di gennaio, con gli allenatori chiamati a fare da equilibristi tra le assenze, la sosta e le trattative, con calciatori che vogliono andare via, altri che sono in bilico e qualcuno che ha già salutato. Ma c’è anche chi è arrivato: cinque acquisti di spessore, tra Billong (che ha già debuttato), Guilherme, Sandro, Djuricic e Diabaté. Per Bologna, De Zerbi potrà contare su tutti i nuovi, fatta eccezione per Diabaté che è ancora a corto di condizione. Di questi, a partire dal primo minuto sarà sicuramente Billong e molto probabilmente Guilherme che dovrebbe prendere il posto di Brignola nel tridente offensivo.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia