L’intervista – Pasquale Viespoli: “Autonomia differenziata? FdI non segua il Pd”

375

“Se accedo all’ipotesi dell’autonomia differenziata prima ancora di discutere dei criteri di applicazione della medesima, sto dicendo che funziona il regionalismo ed, invece, il punto fondamentale è la crisi del regionalismo e l’esigenza di costruire una risposta all’altezza delle riforme necessarie nel nostro Paese non dentro l’attuale regionalismo, bensì andando oltre”. Se De Luca ed Emiliano, governatori di Campania e Puglia, hanno bollato il disegno di legge proposto da Calderoli come “provvedimento che spacca il Paese” il primo e “rischio di una Babele”, il secondo, dire che Pasquale Viespoli (l’ex sottosegretario è da sempre appassionato dal dibattito sulle autonomie locali) è scettico è dir poco. E’ proposta di cui si parla da anni, derivata dalla riforma della Costituzione del 2001 secondo cui tutte le Regioni a statuto ordinario possono chiedere allo Stato competenza esclusiva su 23 materie.

L’articolo completo su Il Sannio Quotidiano di oggi – Acquista qui la tua copia