Banner

TRIBUNALE DI BENEVENTO - Ufficio Fallimenti - Fallimento n. 37/2000 - Vendita all’incanto di beni immobili (cron.453F)

IL GIUDICE DELEGATO
 letta l'istanza con la quale il Curatore ha chiesto di vendere all'incanto gli immobili di seguito descritti;
 viste le relazioni dell'Esperto depositate il 06/04/2005 e 16/06/2006 e verificato che ricorrono le condizioni per provvedere in tal senso;
 rilevato che le vendite fallimentari devono di regola avvenire proprio mediante incanto e ritenuta I'opportunità di fissare subito due aste, per ridurre i tempi ed economizzare le spese, e così la prima asta a prezzo di stima e la seconda con la riduzione del 25%;
 visti gli artt. 104, 105, 108 della legge fallimentare; artt.490,560, 568, 570,576 e segg. del codice di procedura civile; artt.l73bis e segg. delle disposizioni di attuazione c.p.c.;
ORDINA
la vendita mediante incanto, in due esperimenti d’asta, che avrà luogo il giorno 18 ottobre 2010 alle ore 10:00 oppure, nel caso di asta deserta, il giorno 25 ottobre 2010 alle ore 10:00, sempre dinanzi al Giudice delegato nella sala delle pubbliche udienze del Tribunale, del bene immobile di seguito descritto, alle condizioni e con le modalità indicate.
1. Il bene sarà posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui attualmente si trova, con tutte le sue pertinenze, accessori, ragioni ed azioni, eventuali servitù attive e passive, a corpo e non a misura.
2. Il suo stato di fatto e diritto, con le conseguenze e gli effetti della sua vendita, sono meglio specificati nelle due relazioni tecniche dell’Esperto, per la sola parte riferita al lotto IV, sulle quali si richiama l’attenzione ed alle quali si fa qui ed ora esplicito riferimento. Non vi è luogo a diminuzione o a supplemento di cui all’art.1538 cod.civ. e si applicano gli artt.2919 e seguenti cod.civ..
3. Il prezzo base e le offerte in aumento sono indicate in calce al presente provvedimento.
4. Chiunque, tranne il fallito, può fare offerta personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale. I procuratori legali possono fare offerta per persona da nominare.
5. Per offrire all'incanto è necessario presentare presso la Cancelleria fallimentare di questo Tribunale una domanda, contenente le proprie generalità complete l’indirizzo ed il codice fiscale; la domanda deve essere accompagnata da una cauzione, che si fissa in : LOTTO 4" € 14.100,00 per la l^ vendita ; € 10.600,00 per la 2^. La cauzione deve essere versata in assegni circolari non trasferibili intestati alla Curatela fallimentare.
6. Il termine per presentare la domanda e versare la cauzione è fissato, senza alcuna possibilità di deroga e senza nessuna speranza di proroghe, alle ore 12.00 del giorno 15.10.2010 per il primo incanto e 22.10.2010 per il secondo.
7. Il prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione, dovrà essere versato entro 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva, e con le stesse modalità. Al prezzo saranno aggiunte pure le spese, come determinate dal Giudice delegato.
8. Sarà possibile pagare il prezzo di aggiudicazione anche mediante la stipula, con le Banche convenzionate, di un contratto di finanziamento che prevede il versamento diretto delle somme erogate in favore della Curatela e la garanzia ipotecaria di primo grado sul medesimo immobile oggetto di vendita.
9. Sono a carico della Curatela le spese fino all'aggiudicazione e quelle per le cancellazioni indicate nell'art. 586 c.p.c.. Sono invece a carico dell'aggiudicatario tutte le altre spese successive all'aggiudicazione,comprese quelle occorrenti per il trasferimento dei beni. Esse saranno liquidate dal Giudice delegato con decreto esecutivo e l’aggiudicatario dovrà pagarle, pena il recupero mediante esecuzione coatta.
10. Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare i beni in vendita, previo accordo col Curatore.
Il presente provvedimento sarà pubblicato, a cura del Cancelliere, nelle forme di legge e cioè mediante affissione di avviso contenente tutti i dati che possano interessare il pubblico, e per almeno tre giorni consecutivi, all'albo del Tribunale e divulgazione di analogo avviso, mediante n. 30 manifesti murali nel Comune di Benevento e n. 15 manifesti murali nel comune di Telese Terme; analogo avviso è pubblicato nel sito internet www.ilsannioquotidiano.it almeno 45 giorni prima dell'incanto, assieme a copia dell'ordinanza e delle relazioni di stima, nonché, per una volta sola, su II Sannio Quotidiano.
DESCRIZIONE DEL BENE E CONDIZIONI DELLA VENDITA
LOTTO 4
Piena proprietà della porzione di fabbricato condominiale per civile abitazione (sito nel Comune di Telese Terme via Frosinone), su unico livello funzionale oltre garage al piano terra, piano secondo, ricadente al Fg. l6 p.lle 123/6, annesso ai beni comuni non censibili - piano terra destinato a garage e piano secondo di 7,5 vani catastali, abitabile di mq.188. E’ annessa l'area pertinenziale antistante e retrostante oltre lo spazio della gabbia di scala e l'ascensore .
• prezzo base € 140.400,00 e offerte in aumento non inferiori a € 2.000,00
in caso di seconda asta (se la prima va deserta)
• prezzo base € 105.300,00 e offerte in aumento non inferiori a € 2.000,00
Attenzione, per l’unità immobiliare in questione. occupata sine titulo, pende giudizio in grado di appello promosso dalla controparte.
Gli interessati potranno rivolgersi alla Cancelleria per l’acquisizione di maggiori informazioni, anche relative alle generalità del debitore.
Benevento, 9 giugno 2010
Il Giudice delegato
Dr.ssa Marilisa Rinaldi
Il Cancelliere
Dr.ssa Patrizia De Nunzio

Per ulteriori informazioni rivolgersi al curatore dr. Giovanni Barretta, con studio in Benevento alla Via Rampa Annunziata n.6, tel./fax 0824/43195 e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .